Le bellezze del Promontorio del Circeo Viste dal Mare

Si percorre per mare un tratto pari a circa 4,5 miglia da "Torre Fico" a "Torre Paola" visitando le 
innumerevoli grotte raggiungibili esclusivamente da mare e passando per le suggestive calette,
con la possibilitÓ di ammirare le quattro torri d'avvistamento,fatte edificate sul monte da Papa PIO IV nella seconda meta' del 500 a spese della famiglia principesca dei Caetani di Sermoneta allora signori del Circeo,per individuare eventuali Saraceni Maleintenzionati. Oltre a ci˛ Ŕ possibile vedere una batteria di era Napoleonica, il tutto intervallato da una intensa macchia mediterranea mista a palme nane e fichi d'india. Partiamo con la barca dal porto di S.F.Circeo e dirigiamoci versoTorre Fico (FOTO) la prima delle quattro torri,entriamo cosi' nella zona  denominata "QUARTO CALDO". Quasi subito incontriamo la grotta del Presepe e del Calice (FOTO) poi incontriamo la nostrana Grotta Azzurra (FOTO) visitabile solo a nuoto o con una piccolissima imbarcazione larga 10mt e lunga circa 30mt si contraddistingue per i riflessi Blu e Violacei che si possono ammirare solo addentrandosi profondamente nella grotta stessa. Subito dopo si incontra la
Grotta delle Capre (FOTO) una delle poche raggiungibili da terra e con un approdo di fronte alla grotta stessa.La grotta delle Capre e' stata oggetto,in passato,di scavi archeologici. Andando avanti si incontra la Grotta dell'Impiso(FOTO) e del Fossellone(FOTO) caratterizzata dalla volta crollata,oggetto anche questa,di scavi archeologici. Da qui fina al Precipizio non vi sono grotte di grande importanza,per quanto non ne manchino, ma la scogliera con le sue insenature,con le lingue di roccia,il Faro,Torre Cervia e numerosi graziosi villini, rende quanto mai varia e ricca di sorprese la passeggiata in barca. Andando avanti quindi si arriva in una meravigliosa cala detta Cala Anna(FOTO) perche' in questa cala sorge la villa di Anna Magnani ora abitata dagli eredi. La prossima tappa e' la Grotta Calypso(FOTO), raggiungibile a piedi si contraddistingue per avere un fondale alto al suo ingresso cosi che,nei mesi estivi,si possono incontrare gruppi di ragazzi che fanno gare di tuffi dalla sua sommita'.Arriviamo cosi' al Faro(FOTO) con annesso Hotel. Ed eccoci arrivati a Torre Cervia(FOTO) con la meravigliosa Cala(FOTO) che ospita due porticcioli alla fine della quale c'e' Punta Rossa(FOTO) con il suo Hotel. Piu' avanti incontriamo i resti di una batteria di era Napoleonica ed il suggestivo complesso costruito dal famoso architetto Busiri Vici(FOTO) subito al di la' possiamo ammirare la cava di Alabastro di epoca Romana(FOTO). Da qui in poi inizia un bellissimo tratto incontaminato verdeggiante di caratteristici ginepri e palme nane e subito incontriamo a 6,7 metri sul livello del mare la Grotta Barbara(FOTO) un'apertura triangolare dove sono stati ritrovati resti preistorici di cacciatori di stambecchi,si costeggia quindi La Calozza un'altra conca simile a quella della cava di Alabastro. Da qui Inizia il Precipizio,enorme rupe strapiombante sul mare da un'altezza di 400 metri all'inizio del quale possiamo ammirare le cinque grotte che per la loro conformazione possono ricordare cattedrali Gotiche(FOTO),in alto,difficilmente distinguibili,ci sono i resti di Torre Moresca che somigliava molto alle altre tre Torri costruite sul promontorio,in una minuscola conca a pochi metri dalla riva e' situata la Grotta delle Anfore cosi' nominata per i resti di anfore di epoca Romana sparsi intorno ad essa, nella stessa zona si puo' ammirare un'Arco Naturale(FOTO)quasi invisibile ma molto suggestivo se visto da vicino. Questa zona e' costellata di piccole grotte a pelo d'acqua ma anche sopra il livello del mare,ma da ora in poi incontreremo una serie di grotte bellissime ed importantissime,la prima e' la Grotta dei Prigionieri (FOTO) raggiungibile dalla piccola spiaggia di ciotoli detta Spiaggia dei Bombardieri facilmente raggiungibile con una piccola imbarcazione e' una meta obbligata per chi fa' una gita nella zona del precipizio. la Grotta dei Prigionieri e' stata cosi' nominata perche nel 1950, un gruppo di studenti decisero in Agosto di fare qualche giorno di campeggio in questa grotta,ma una forte mareggiata impedi' loro di andarsene fino a che non furono raggiunti e portati in salvo da un gruppo di soccorritori. A breve distanza incontriamo una delle grotte piu' importanti La Grotta Della Maga Circe(FOTO), ha un ingresso a doppio arco,una volta dentro si apre una grotta molto grande parzialmente ostruita da massi caduti ed una apertura sulla volta molto suggestiva. Poco piu' avanti incontriamo la Grotta Breuil(FOTO) molto bella e la Grotta di Ulisse(FOTO) ingombra da grandi massi e' la parte terminale di un'immensa caverna crollata. Girando dietro l'ultima parte del promontorio si puo'ammirare Torre Paola,la Grotta Spaccata e l'ingresso del canale Romano che conduce al Lago di Paola(FOTO)